La storia

Storia-01Cascina Matinè si trova nella collina Chierese in provincia di Torino, circondata da paesaggi di campagna con prati e boschi. Grazie ai tanti sentieri e stradine naturalistiche è possibile osservare tante specie di flora e fauna, ma anche ville come ( Villa Passatempo del 1685, Villa Moglia del 1926 e Villa Luigina), castelli come quello di (Leinì) dove Silvio Pellico scrisse alcune pagine del libro “le mie prigioni” scritto nel 1832. Ci sono anche delle grotte scavate dai partigiani in tempo di guerra nella collina di Madonna della Scala.
Prima degli anni ’90 il Matinè era un orfanotrofio gestito dalle suore che poi venne venduto nel 1922 alla famiglia Barbasso che la trasformò come azienda agricola con l’allevamento di bovini piemontesi coltivazioni di vite per ottenere il vino freisa.
Con il passare del tempo e delle generazioni, oggi l’azienda, è gestita come conduzione famigliare da quattro persone, che continuano ad avere i bovini ma anche asini, maiali, capre, oche, anatre, galline, quaglie e conigli; tutti gli animali hanno degli spazi a loro dedicati, comodi anche per interagire con le persone e provare tante emozioni, curiosità e tenerezza.

La fattoria didattica

fattoriaLa Fattoria Didattica rivolta specialmente alla conoscenza del curioso asino, è nata, quando nel 2004 ho ricevuto come regalo natalizio, dal mio fidanzato, un asinello di pochi mesi che ho chiamato PEPE. Da quel momento è partita la grande passione e curiosità nel scoprire la grande intelligenza, la sua utilità nel passato e di oggi e l’affetto che nei mie confronti dimostrava. A quel tempo studiavo all’Istituto Agrario Bonafous di Chieri, e coltivando sempre più il mio interesse, mi sono poi diplomata nel 2007 grazie anche alla tesi sugli asinelli. Ma non è bastato, ho poi voluto frequentare un corso dove se passato l’esame e avendo il patentino A2 avrei potuto lavorare tramite gli asini a contatto con le persone e far provare le stesse emozioni che provo ogni giorno a contatto con loro.
Oggi gli asinelli sono diventati 20, ma non preoccupatevi cresceranno di numero….! Bisogna ricordare che l’affezione di un asino è riconducibile a quella del cane, grazie alla sua indole docile e portatrice di pace con il suo pelo morbido quindi è adatto per la pet therapy sia per bambini, sia adulti che anziani e i diversamente abili. Oltre a questa caratteristica, fin dai tempi degli Egizi e Romani, l’asino veniva allevato per ottenere il pregiatissimo latte di asina che grazie alle sue caratteristiche è l’ideale per la cosmesi, ma anche come nutrimento per i bambini con problemi di allergie e intolleranze al latte materno. Infatti le caratteristiche chimico-fisiche di questo latte sono le più vicine al latte materno.